Progetto Autonomia


Progetto VITA INDIPENDENTE

Molto spesso le persone con gravi disabilità pagano con l'isolamento domestico, nelle comunità o negli istituti, la mancanza di forme di assistenza che gli consentano di scegliere tra le possibilità che la vita e la società offrono: frequentare amici per esempio, viaggiare e visitare nuovi luoghi, continuare gli studi, cercarsi un lavoro, seguire i propri orientamenti religiosi, partecipare alla vita pubblica. Insomma, quello che fanno tutti, magari senza rendersi conto di quante occasioni hanno per le mani.

Ma parlare di tutto questo significa fare riferimento ai concetti di "indipendenza e possibilità di scelta". Concetti, questi, troppo spesso disattesi ai disabili ed a cui oggi la Regione Toscana cerca di dare diritto di cittadinanza attraverso il progetto "Vita Indipendente".

"Vita Indipendente non significa “vita per conto proprio” o “fare da sé” le cose. E non significa nemmeno essere autonomi.

E’ il diritto di scegliere, decidere e progettare la propria vita, e quindi il diritto all'autodeterminazione.

Attraverso il Progetto “Vita indipendente” la persona intende organizzare, in autonomia ma grazie all’ausilio di un operatore qualificato, un intero pacchetto assistenziale oppure alcune prestazioni di assistenza all’interno di un progetto globale, di cui declinerà esso stesso le attività incentivanti la sua autodeterminazione.Le attività svolte e le prestazioni erogate sono riconducibili a quanto consente alla persona di realizzare il proprio progetto di vita.