Centro antiviolenza "La Nara"


Il Centro Antiviolenza “La Nara” è attivo dal 1997 e gestito da Alice Cooperativa Sociale in convenzione con la Società della Salute Area Pratese.

Il Centro Antiviolenza La Nara è un progetto sociale e politico: intende provocare un processo di cambiamento rispetto al problema della violenza fisica, psicologica, economica, sessuale, stalking esercitata sulle donne e loro figli di qualsiasi provenienza, età, professione, religione.

Collabora con enti e operatori multidisciplinari della provincia di Prato per la tutela delle donne e minori, la prevenzione e il contrasto della discriminazione e della violenza di genere.


I servizi offerti:

  • linea telefonica,
  • sostegno psicologico,
  • colloqui individuali,
  • accompagnamento ai servizi del territorio,
  • sportelli territoriali di ascolto in tutti i comuni della provincia di Prato,
  • consulenze legali e affiancamento durante l’iter legale sia civile che penale e nelle procedure di richiesta di gratuito patrocinio,
  • informazioni sui servizi territoriali riguardanti: salute, lavoro, istruzione, formazione, tempo libero,
  • accoglienza temporanea nella Casa Rifugio ad indirizzo segreto per messa in protezione,
  • accoglienza presso le due Case di Seconda Accoglienza,
  • sostegno alla genitorialità e supporto ai figli,
  • sostegno nel percorso di autonomia personale,
  • progettazione e realizzazione di attività di formazione/prevenzione all’interno delle scuole di ogni ordine e grado del territorio allo scopo di promuovere una nuova cultura di genere improntata sulla parità, sui diritti, sul superamento degli stereotipi e le differenze di genere, contro ogni tipo di discriminazione,
  • attività di formazione e sensibilizzazione rivolta ai soggetti della rete attraverso corsi, convegni, workshop, seminari,
  • promozione di campagne ed eventi di sensibilizzazione,
  • progettazione e partecipazione a progetti territoriali, nazionali ed europei,
  • gestione del Centro di documentazione e prestito bibliotecario on–line www.comune.prato.it/biblio/htm/nara.htm,


Giorni e orari di apertura
Il Centro è aperto dal lunedì al venerdì in orario 9.00-13.00, 15.00-18.00.


Numero telefonico
0574 34472. La segreteria telefonica è attiva tutti i giorni 24 ore su 24.


Le operatrici del Centro la Nara lavorano sia sulla Casa Rifugio che sulla Casa di Seconda Accoglienza realizzando un intervento che definisce un continuum di attività per le donne ospiti e per i loro figli.

Dalla sua apertura ad oggi il Centro La Nara ha accolto e accompagnato, in un momento molto difficile della loro vita, quasi 4000 donne e ha ospitato nella Casa Rifugio e nella Casa di Seconda Accoglienza più di 300 donne con i loro figli e figlie minori, sostenendoli in un percorso di protezione e messa in sicurezza, costruendo insieme un concreto percorso di uscita dalla violenza attraverso un progetto personalizzato.

Vengono sempre garantiti segretezza e anonimato.


In caso di particolare gravità e dopo una attenta valutazione del rischio, alla donna

viene garantita protezione ospitandola nella Casa Rifugio, costituita da un alloggio, a indirizzo segreto, per la messa in sicurezza di donne e i loro eventuali figli minori che hanno la temporanea necessità di allontanarsi dalla propria abitazione. E’ un luogo segreto, anonimo e sicuro, dove le donne vengono protette e sostenute dalle operatrici per permettere loro di intraprendere nuovi percorsi di autonomia, empowerment e reintegrazione.

Il Centro La Nara aderisce a:

  • D.i.Re. – Donne in rete contro la violenza, Associazione nazionale dei Centri antiviolenza,
  • Tosca – Coordinamento toscano Centri antiviolenza,
  • Elenco Regionale dei Centri Antiviolenza e delle Case Rifugio operanti nel territorio regionale dal 2019 (anno di istituzione dell'Elenco della Regione Toscana) ,
  • Centro Antidiscriminazione di Prato quale Antenna Territoriale,
  • Sistema Bibliotecario e Documentario della Provincia di Prato, quale Centro di Documentazione e Ricerca.


Tra le esperienze più significative attuate dal Centro si annoverano:

  • dal 2004 aderisce al Gruppo Operativo Funzionale del Progetto “Mamma segreta”, promosso dalla Regione Toscana – Dipartimento diritto alla Salute e politiche di solidarietà, Provincia di Prato, ASL 4 di Prato, Comune di Prato, Istituto degli Innocenti di Firenze, finalizzato alla definizione di buone prassi e gestione di casi di abbandono e/o non riconoscimento del bambino alla nascita, nel 2005 rappresenta una delle esperienze-pilota del progetto “Arianna”, promosso dal Ministero delle Pari Opportunità, per la realizzazione di una Rete Nazionale Antiviolenza sostenuta dal numero telefonico di pubblica utilità 1522,
  • dal 2006 è servizio operante quale riferimento territoriale collegato al numero di pubblica utilità 1522,
  • nel 2006 è promotore e aderisce attivamente alla Campagna mondiale del “Fiocco bianco” www.fioccobianco.it (“The white ribbon campaign”), realizzando iniziative atte a coinvolgere effettivamente gli uomini nell’intervento contro la violenza alle donne,
  • nel 2008 è partner del progetto “Fili e Trame - contro la violenza intrafamiliare verso donne e bambini” finanziato dal Ministero delle Pari Opportunità,
  • nel 2012 è il principale partner attuatore del progetto “Percorsi di libertà”, volto a rafforzare le azioni di prevenzione e contrasto al fenomeno della violenza, finanziato dal Ministero delle Pari Opportunità,
  • dal 2012 aderisce alla rete territoriale della provincia di Prato che collabora con la task force prevista dal progetto regionale “Il Codice Rosa”, che identifica un percorso di accesso al Pronto Soccorso riservato a tutte le persone, senza distinzione di genere o età che, a causa della loro condizione di debolezza, più facilmente possono diventare vittime di violenza: donne, ma anche bambini, anziani, immigrati, omosessuali,
  • aderisce alla "Rete di sostegno e protezione per il contrasto della violenza alle donne nella provincia di Prato",
  • per il biennio 2020-2021 il Centro Antiviolenza La Nara è partner del Progetto "Net-Care: Networking and Care for Migrant and Refugee Women": i servizi sanitari, sociali e legali (inclusi i centri antiviolenza, gli organismi antitratta, i centri di accoglienza, gli ospedali, i pronto soccorso, i servizi sociali, gli uffici legali e le forze dell'ordine) sono stati coinvolti in una rete che include Grecia, Italia e Spagna e sono stati dotati di un registro di professionisti chiave creato appositamente: 120 mediatori culturali sono stati selezionati e formati sulla gestione dei casi di SGBV. La formazione delle mediatrici culturali permetterà di identificare e rispondere ai bisogni delle vittime seguendo una comune procedura in linea con gli standard internazionali di protezione,
  • per il biennio 2021-2022 Il Centro Antiviolenza La Nara partecipa alla realizzazione del Progetto "WeeToo - Protecting mental health: Empowering frontline workers and GBV victims and survivors" finanziato dalla Commissione Europea. Il progetto mira a rafforzare le competenze degli operatori in prima linea (forze dell'ordine, assistenti sociali, operatori anti-tratta e anti-violenza, personale medico) impegnati nella presa in carico a vario titolo di vittime di violenza di genere. Un team multidisciplinare di esperti svilupperà un programma di formazione e strumenti pratici per valutare lo stress del personale coinvolto e identificare i disturbi di salute mentale che colpiscono le vittime di GBV e sopravvissuti. Fornirà consulenza specialistica per supportare le vittime nella elaborazione del trauma.


Informazioni e contatti:

Centro Antiviolenza La Nara

Via Giuseppe Verdi, 13, 59100 Prato PO

Telefono 0574 34472

lanara@alicecoop.it

Per migliorare l'esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, clicca su "consento" per abilitarne l'uso.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies consulta la nostra Informativa Cookies. OK