• Inclusione sociale

Progetto FREE ALL

FREE ALL è un progetto finanziato dall'Unione Europea e si propone di lavorare soprattutto sulle esigenze dei/delle giovani LGBTQI+ e dei migranti e dei rifugiati LGBTQI+ che sono stati particolarmente colpiti da forme di discriminazione, abuso e violenza a causa dell’isolamento e delle restrizioni alla mobilità durante la pandemia. Questi divari rischiano di riprodurre ulteriormente il modello di esclusione sociale già sperimentato dalle persone LGBTQI+ in molti contesti europei.

Basandosi su una collaborazione a lungo termine e sui risultati raggiunti nella prevenzione e risposta alla violenza di genere nei paesi target, le associazioni ed organizzazioni che cooperano sul progetto FreeAll riconoscono le lacune dei sistemi di protezione nella tutela delle persone LGBTQI+ sopravvissute o a rischio di violenza, condizioni che sono state esacerbate dalla pandemia.
Le organizzazioni coinvolte dall’azione intendono lavorare insieme per rafforzare i servizi legali, sanitari, sociali e giudiziari per identificare e supportare in maniera tempestiva le persone LGBTQI+ sopravvissute a violenza di genere.

Tra le attività previste:

  • Consolidamento delle reti

Scambio di buone pratiche e approccio inclusivo tra i servizi sanitari, giudiziari, sociali ed educativi competenti in materia di protezione e sostegno delle persone LGBTQI+ a rischio o vittime di Gender-Based Violence (GBV).

  • Ricerca e networking per la creazione di servizi inclusivi

Verranno organizzati di focus group tematici al fine di raccogliere bisogni e possibili risposte alle lacune politiche e pratiche presenti nel sistema, mediante la stesura di un manifesto d’intenti congiunto al fine di implementare servizi inclusivi per le/i sopravvissut* a GBV tra le persone LGBTQI+.

  • Formazione sulla risposta di protezione sensibile al genere

Verranno organizzati corsi di formazione per sfidare gli stereotipi di genere e i pregiudizi inconsci degli operatori sociali, legali, giudiziari e sanitari per promuovere un approccio più inclusivo e sensibile al genere nei confronti delle persone LGBTQI+ vittime o a rischio di violenza.

Il progetto è realizzato da una rete di enti europei esperti in materia costituita, assieme alla Cooperativa Alice, da:

  • Oxfam Italia Intercultura (capofila, Italia),
  • ASEIS (Spagna),
  • Colour Youth – Athens LGBTQ Youth Community (Grecia),
  • Fondazione Giacomo Brodolini (Italia),
  • KMOP (Grecia),
  • Università di Jaen (Spagna).
Per migliorare l'esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, clicca su "consento" per abilitarne l'uso.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies consulta la nostra Informativa Cookies. OK